di Igor Traboni – Fonte: © Avvenire

I trent’anni della legge 185: le vendite di materiale bellico vicine ai 100 miliardi. E gran parte (malgrado le norme) va a Paesi in guerra o che non rispettano i diritti

«Come cristiani e come cittadini abbiamo l’obbligo di modificare le strutture economico-finanziarie che producono morte. Cambiamo mira, investiamo nella pace!». Si chiude con questo invito, che poi ne è anche il titolo, l’editoriale comune firmato dai direttori di Missione Oggi, Mario Menin, di Nigrizia, Filippo Ivardi Ganapini, di Mosaico di Pace, Padre Alex Zanotelli e da mons. Giovanni Ricchiuti, vescovo di AltamuraGravina-Acquaviva delle Fonti e presidente nazionale di Pax Christi, per rilanciare la Campagna di pressione sulle “banche armate”, a vent’anni dal suo inizio e a 30 dalla promulgazione della legge 185 sulle esportazioni di armamenti.

Due le iniziative tenutesi ieri tra Roma e Brescia, d’intesa con la Rete italiana per il disarmo e la Rete della pace…

Leggi tutto l’articolo su Avvenire (in .pdf)